Una terra tra storia, cultura e natura: il Salento raccontato da chi lo vive

Il Salento è una terra che si ama o si odia. Noi salentini nutriamo un profondo amore per la nostra terra ed è grazie a questo legame così profondo e alla nostra caparbietà che siamo riusciti a trasformare i suoi  punti deboli in opportunità.
Il Salento è il lembo estremo della nostra penisola, un lembo di terra lungo e stretto circondato da due mari. Una terra che presenta ancora tratti selvatici, difficili da esplorare e che del turismo genuino e senza sfarzi ha fatto la propria forza. Abbiamo scelto di puntare su un turismo selezionato, un turismo culturale legato all’arte, alla storia e alla cultura di questa terra.
Si è voluto puntare sul territorio puro, senza stravolgerne la fisionomia creando strutture ricettive eleganti, ristrutturando nel pieno rispetto dell’ambiente masserie in Salento (come la nostra!), castelli e pagghiare trasformandole in resort di estrema bellezza circondati da natura incontaminata. Il ricco patrimonio culturale rende il Salento una destinazione distintiva ed unica.

Il Salento dall’alba al tramonto

Quello che amo fare di più è girare per i piccoli paesi dell’entroterra in piena estate. Sono come abbagliati dalla luce del sole che si riflette sui muri bianchi delle case basse e l’aria che si respira sa di buono. L’odore del pane appena sfornato, dei pizzi salentini, delle pucce e delle braci inonda le strade.

Il casaro che passa la mattina con l’Ape 50 per vendere ricotta e giuncata, i bambini che giocano a pallone nelle strade deserte, le signore sedute la sera sull’uscio di casa a prendere il fresco sono tra le immagini più belle e suggestive della mia terra che porterete per sempre nel cuore se trascorrerete le vostre vacanze nel Salento.

Il momento migliore per visitare le città è l’alba. Noi salentini amiamo avventurarci nelle stradine deserte di città e paesi perchè l’atmosfera che si respira è di pace e tranquillità e si può godere della bellezza dei monumenti nella loro pienezza.

L’ora più bella della sera invece è il tramonto, quando la luce calda del sole colpisce la pietra leccese di cui sono fatte case, palazzi e chiese dei centri storici. Quella pietra duttile, dal colore giallo paglierino che ha dato vita ad opere d’arte a cielo aperto.

Se venite in Salento ricordate di camminare con lo sguardo rivolto al cielo, solo così non vi perderete lo spettacolo immenso del Barocco leccese, delle figure scolpite sui portoni dei palazzi, sulle facciate delle chiese, sui balconi delle case che raccontano la storia dei luoghi.

Il tramonto è l’ora della sera che amo di più, in cui il cielo si tinge di rosso. È quell’ora perfetta per godere di un mare oggettivamente spettacolare. 300 km di costa tra faraglioni, calette, spiagge sabbiose di una bellezza straordinaria. La maggior parte della costa è selvatica e molte sono le zone protette per preservare la natura e gli animali che le popolano.

Salento terra di accoglienza

Terra ricca di misteri e credenze, di costruzioni rurali, masserie fortificate, di tradizioni culinarie il Salento è la chiara dimostrazione di come l’uomo possa integrarsi in perfetta sintonia con l’ambiente. Da sempre punto di incontro di popoli, lingue, tradizioni e religioni il Salento è diventato una terra di accoglienza alla quale sono orgogliosa di appartenere. 

Noi salentini siamo popolo ottimista per natura e in un momento così difficile vogliamo guardare al futuro con fiducia. Certa che ritorneremo a viaggiare, ripartiamo dalle mete italiane!

Programmate le vostre prossime vacanze in Salento, venite in uno dei luoghi più belli dove vivere un’esperienza unica. Masseria Giamarra è il luogo perfetto per dare inizio al vostro nuovo viaggio verso un futuro migliore!

Andrà tutto bene!

Claudia