Autunno e cucina salentina: le ricette della tradizione

L’autunno in Salento regala giornate tiepide e prodotti della terra genuini che si prestano a realizzare piatti tipici della cucina salentina. Noi salentini utilizziamo sempre frutta e verdura di stagione per la preparazione di pietanze sane e e gustose e l’autunno regala tanto da questo punto di vista. Può sembrare una stagione “povera” ma invece il suo orto offre tantissimo in autunno. Per non parlare dei formaggi tipici di questa stagione che contribuiscono a rendere i piatti saporiti.

Sapori autunnali, dall’orto in tavola passando dalle masserie

La cucina salentina in autunno si arricchisce di verdure e ortaggi tipici di questa stagione. Le coltivazioni autunnali, prendono il posto negli orti di contadini e agricoltori, delle coltivazioni estive.
Nel mese di Ottobre, negli orti si conclude la raccolta di pomodori, peperoni, zucchine e altri ortaggi estivi. I terreni vengono preparati per le nuove coltivazioni di cicorie, rucola, carote, cavoli, scarola, radicchio, cime di rape oltre alle piante aromatiche come rosmarino, origano, salvia, timo ed erba cipollina.

Tutte queste materie prime costituiscono gran parte delle basi per le preparazioni principali della nostra cucina, incentrata sull’utilizzo di ortaggi e verdure sempre e rigorosamente di stagione. Anche in masseria seguiamo i tempi delle stagioni per le nostre coltivazioni, prendiamo il meglio dalla nostra terra per realizzare i piatti che ci raccontano e che raccontano la nostra storia.

I piatti autunnali della cucina salentina

Le preparazioni e i piatti della nostra cucina, quella salentina tipica, abbracciano tutti i gusti: mare, terra, vegetariani, semplici e più elaborati. Nel periodo autunnale si arricchiscono dei sapori tipici di questa stagione che io amo combinare insieme per ritrovare quei gusti che mi ricordano l’infanzia e quella tradizione che oggi, io credo, debba essere recuperata e valorizzata.

Qui vi faccio un elenco di piatti che, a mio parere, sono imprescindibili per un menu autunnale a carattere salentino. Attenti a non farvi venire l’acquolina in bocca!

Ciceri e tria. 

Uno dei piatti simbolo del nostro Salento, una minestra di di legumi (i ciceri sono i ceci appunto) e pasta fatta in casa, la tria, pasta fresca maltagliata, insaporita da una parte croccante con i frizzuli (pasta fritta). A volte la prepariamo anche con l’aggiunta dei nostri mugnuli, cavoletti tipici del Salento.

La pitta di patate. 

Potremmo definirlo un comfort food per eccellenza: buona, saporita, ricca. La pitta è una sorta di pizza bassa o focaccia fatta principalmente con patate e farcita a piacere con cipolla, capperi, olive nere, pomodori o nella versione piccante con un sughetto alla pizzaiola. Per il ripieno non ci sono limiti alla fantasia delle massaie salentine che spaziano dai peperoni alla verdure autunnali: un piacere per il palato!
Vi ho già raccontato della pitta e presentato la mia versione in un altro articolo. L’avete già letta?

Orecchiette con le cime di rapa. 

Le orecchiette hanno reso famosa la nostra regione in tutto il mondo. Preparate con le rape, coltivate in Salento proprio durante il periodo autunnale, diventano un primo piatto ricco e gustoso. Le orecchiette sono solitamente impastate con farine di grano duro locali, ma io amo insaporirle con peperoncino piccante e pane tostato per inserire una nota croccante nel piatto.

Questi sono solo alcuni dei piatti della mia tradizione salentina che adoro preparare in autunno, ma come sapete in Salento si mangia bene tutto l’anno.

Se verrete a trovarmi, sarà mio grande piacere farvi gustare tutti i piatti che caratterizzano il mio territorio oltre a raccontarvi le storie che conservo gelosamente per i miei ospiti.

Vi aspetto.

Claudia